Controspalliere: Informazioni Dettagliate

La nostra azienda negli anni, oltre alla vendita, si è strutturata per la progettazione e la realizzazione di impianti di controspalliera per uva da vino, da tavola e frutteto. In relazione alle controspalliere per uva da tavola offriamo la possibilità di installazione di strutture di sostegno per il montaggio di coperture che permettano di anticipare la raccolta del frutto.

CONTROSPALLIERA PER UVA DA VINO
La controspalliera per vigneto è una struttura di sostegno che permette la realizzazione di sistemi di coltivazione della vite con cordone orizzontale permanente o rinnovabile:

  • Cordone speronato singolo: si tratta di un sistema di coltivazione permanente per il quale, qualche mese dopo l’inizio del riposo invernale, si esegue la potatura lasciando un cordone permanente orizzontale unilaterale che resteranno sulla pianta per la durata della vite e sul quale vengono lasciati quattro gemme equidistanti fra loro.
  • Cordone speronato doppio: il sistema è lo stesso di quello singolo con la differenza che si hanno due cordoni contrapposti.
  • Cordone speronato incrociato: sistema simile al precedente ma per il quale si effettua un incrocio dei cordoni per aumentare il grado medio delle uve.
  • Cordone rinnovabile Guyot: è un sistema di coltivazione rinnovabile che consiste in un capo a frutto di 7/8 gemme sul quale si verifica la produzione dell’anno e da uno sperone che produrrà l’anno successivo. Questo sistema si è molto diffuso negli ultimi anni poiché permette di raccogliere uve in quantitativo maggiore e con media grado più alto.

Cordone Speronato

Cordone Speronato

Guyot

Guyot

Possiamo fornire impianti chiavi in mano, oppure limitarci alla vendita di paletti di diverse tipologia, fili, ancoraggi, accessori che facilitano la raccolta meccanizzata dell’uva. Inoltre, siamo attrezzati per la fornitura e la piantumazione meccanizzata delle barbatelle con l’utilizzo di una macchina Clemens gestita da un sistema automatico di quadratura GPS.

La struttura della controspalliera è realizzata con pali distanziati sulla fila a 5-6 mt (a seconda del sesto di impianto) aventi altezza fuori terra variabile da cm 150 a cm 200 ( a seconda della tipologia di uva) e collegati da tre fili piani in modo tale da creare una struttura di appoggio ai tralci che cresceranno.
La struttura di una controspalliera tipo è di seguito rappresentata:

 

DESCRIZIONE COMPONENTI DELLA CONTROSPALLIERA PER UVA DA VINO

 

ANCORAGGI O ANCORE

Gli ancoraggi della controspalliera per vigneto consistono in un tondino di ferro diametro mm 12 con una elica saldata nella parte inferiore con la funzione di sostenere il carico dell’uva in determinati periodi dell’anno. Essi sono di lunghezza variabile tra i cm 80 e i cm 90 (misura da sotto l’occhiello all’elica) in funzione della lunghezza delle file (cm 80 se file inferiori ai mt 100) e dalla tipologia del terreno (terreni sciolti non rocciosi). Inoltre, per lunghezze delle file superiore ai mt 250, si utilizza un sistema di ancoraggio differente costituito da una piastra in cemento del diametro di mm 350 alla quale si applica un tondino di ferro con doppio occhiello del diametro di mm 14.
L’ancoraggio viene avvitato al terreno con l’utilizzo di una trivella con attacco speciale.

PALI DI SOSTEGNO

I pali di sostegno si differenziano tra pali capitesta (primo e ultimo palo della fila) e pali intermedi (posti sulla fila a distanza variabile tra i mt 5,00 e i mt 7,00 e seconda della distanza tra le piante).
I pali vengono interrati per un’altezza di circa cm 60 e sono installati in posizione perpendicolare al terreno ad esclusione del paletto capitesta che viene montato in posizione inclinata per ammortizzare il peso dovuto alla tensione dei fili ed, inoltre, con l’utilizzo di una basetta in cemento e di un pezzo di tondino di ferro si impedisce al paletto di affossare nel terreno.L’altezza dei pali varia tra i mt 2,20 e i mt 2,60 a seconda della tipologia di coltivazione che si effettua.
Le tipologie di paletti sono differenti: palo in ferro a sezione circolare, palo in ferro a sezione aperta, palo in legno, palo in cemento.
La scelta della tipologia del palo si effettua a seconda del metodo di coltivazione (meccanizzato o manuale) e alla tipologia di uva.
La nostra azienda è leader nella produzione dei pali in ferro a sezione circolare e nella commercializzazione di tutte le altre tipologie.

Palo in ferro a sezione circolare
I pali in ferro a sezione tonda da noi prodotti sono idonei alla coltivazione di tipo manuale ma sono particolarmente adatti anche alla coltivazione meccanizzata; sono realizzati con un tubo zincato del diametro di 1” (mm 33) per il palo capitesta e del diametro di ¾ (mm 27) per il palo intermedio.
I pali standard subiscono una zincatura a bagno di zinco fuso che garantisce ottima resistenza alla corrosione. Su richiesta possono essere realizzati pali con zincatura del tipo Sendzimir che svolge una buona funzione di protezione dalla corrosione ma non garantisce la stessa durata nel tempo della zincatura a bagno caldo.

I paletti presentano n. 4 fori per il passaggio dei fili di sostegno di cui solo i primi tre servono per i fili portanti, mentre il 4°(in basso) serve per l’eventuale montaggio di un filo di sostegno del tubo per l’irrigazione.
Per quanto riguarda le distanze tra i fori, grazie all’esperienza acquisita negli anni, adottiamo due tipologie predefinite di foratura, ma possiamo realizzare anche forature su richiesta del cliente.

Palo in ferro a sezione aperta
Pali zincati Sendzimir a sezione aperta a forma di “C” rinforzata con le estremità arrotondate verso l’interno del palo.

Sono pali che si prestano per la coltivazione di tipo manuale e sono poco idonea alla coltivazione meccanizzata.
Questo tipo di pali sono dotati di ganci sagomanti laterali posti a una distanza di circa cm 15 che vengono utilizzati per contenere la vegetazione.
Possono essere forniti di diverse lunghezze (cm 200/220/230/240) e vari spessori (mm 1,0/1,25/1,50) in base alle richieste e possono essere forniti con zincatura a caldo.

PalI in legno
Pali in legno di pino silvestre con trattamento in autoclave per assicurarne la durata nel tempo. Sono pali ideali alla realizzazione dei controspalliere per vigneto e vengono utilizzati pali scortecciati non torniti del diametro di cm 10/12 con altezze variabili tra i cm 230 e i cm 250.

PalI in cemento
Realizzati in cemento armato precompresso hanno una durata illimitata nel tempo, il che li rende un prodotto caratterizzato da un ottimo rapporto qualità prezzo. Resistenti agli urti, agli agenti atmosferici e alle sostanze chimiche (antiparassitari e concimi).

 

FILI DI FERRO

La scelta del filo di ferro per controspalliera è molto importante in funzione dei pesi e delle sollecitazionin da sopportare, e devono avere una durata non inferiore alla vita della pianta per evitare sostituzioni a causa di rotture.
Nella scelta del tipo di filo bisogna tenere conto di particolari caratteristiche, quali: protezione superficiale, carico di rottura, tensionamento, resistenza all’azione esterna causata dall’utilizzo di prodotti chimici e resistenza alle sollecitazioni causate dalle macchine utilizzate per lo squotimento.
I fili da noi trattati sono di primissima qualità, in particolare:

  • Filo zincato commerciale
  • Filo zincato tripla zincatura
  • Filo Crapal
  • Filo in acciaio inox AISI 304 ed AISI 302

Filo zincato commerciale
Filo classico zincato a caldo con basso contenuto di carbonio con basso carico di rottura e allungamento del 20%. Pertanto nella scelta del filo è bene utilizzare un filo di grosso diametro:

  • Filo diametro 20/4,5mm per i capitesta
  • Filo diametro 18/3,5mm per il capo a frutto
  • Filo diametro 16/2,7mm per i restanti due fili

Il filo Crapal (produzione Arcelor Mittal),  offerto in esclusiva dalla nostra azienda per tutto il territorio di competenza, è un filo arricchito al carbonio e con rivestimento di zinco-alluminio che offre importanti vantaggi tra i quali:

  • superficie liscia che non rovina le piante
  • alta resistenza meccanica con riduzione di peso rispetto al filo zincato (si può utilizzare filo di diametro più sottile rispetto a quello zincato commerciale)
  • durata oltre la vita del vigneto (garantito contro la ruggine)
  • bassa percentuale di allungamento con eliminazione dei costi di manutenzione dei fili.

Inoltre è un filo maggiormente eco-compatibile perchè non contiene metalli pesanti e alla fine del suo impiego può essere riciclato al 100%.
Grazie a queste caratteristiche il Crapal è il filo più vantaggioso dal punto di vista economico per costo €/ettaro rapportato alla sua qualità.
E’ fornito in bobine da kg 25 che sviluppano lunghezze differenti a seconda della sezione del filo.

Le quattro principali tipologie sono:

Filo Crapo a tripla zincatura
Filo di durata superiore allo zincato commerciale in quanto il rivestimento di zinco è superiore del 10-20% . Questo permette di avere anche un carico di rottura superiore.

Filo Crapal 2
Filo che offre le stesse caratteristiche del filo Crapo ma il rivestimento di zinco-alluminio garantisce durata doppia rispetto ad esso.

Filo CrapalOptimum
Filo ad alta qualità con rivestimento di zincato-alluminio con l’apporto di magnesio che conferisce:

  • maggiore restistenza alla corrosione
  • durata 5 volte più lunga rispetto alla tripla zincatura
  • minore allungamento (pari al 10%)
  • carico di rottura superiore

Filo CrapalOptimum TOP50
Il filo TOP50 offe gli stessi vantaggi dell’acciaio inox al costo del filo zincato;  oltre alle caratteristiche del CraplOptimum consente un ulteriore aumento del carico a rottura del 60%, un allungamento massimo dei fili pari al 3% ed un ottimo rapporto qualità presso rispetto a qualsiasi altro filo per vigneto.

 

 

L’adozione dei fili Crapal per la realizzazione delle controspalliere per vigneto ci ha permesso di realizzare impianti resistenti di durata superiore ai trent’anni.
In particolare abbiamo adottato:

  • Filo Crapo oppure Crapal2 diametro 18/3,5 per i capitesta
  • Filo Top50 diametro 14/2,2mm per il capo a frutto
  • Filo Top50 diametro 12/1,8mm per gli altri due fili
  • Filo CrapalOptimum diametro 11/1,6mm oppure 12/1,8mm (a seconda della lunghezza delle file) per il contenimento della vegetazione

Da qualche anno commercializziamo fili di produzione BEKAERT che presentano le stesse tipologie dei fili Crapal ma con costi inferiori.

 

ACCESSORI PER VIGNETO

Esiste una vera e propria gamma di accessori utili al completamento di una controspalliera per vigneto che vengono scelti in base alla struttura adottata.
Le applicazioni più importanti riguardano i distanziatori per  contenere la vegetazione e per facilitare la raccolta, il fissaggio dei fili alle capitesta e i tensionamento dei fili.

 

DISTANZIATORI

Mensola in acciaio zincato
Utilizzata in presenza di pali in cemento o di legno ed ha lo scopo di unire i fili che contengono la vegetazione. E’ costituita da una piastra sagomata in acciaio zincato Sendzimir (su richiesta si può avere zincata a caldo) e da un cavallotto per il fissaggio della stessa al palo.

Barretta di sostegno in nylon
Ha lo stesso scopo della mensola zincata ma realizzata in nylon che comporta, quindi, la sua sostituzione dopo alcuni anni a causa dell’usura.

Ganci in PVC
Ganci di sostegno dei fili di contenimento utilizzati con pali in ferro realizzati in PVC resistente ai raggi U.V.A. con dispositivo di gancio al filo.
Sono installati in prossimità del palo e vengono sostituiti periodicamente.

Ganci a “C” con poppetta
Ganci di sostegno dei fili di contenimento utilizzati con pali in ferro realizzati in nylon ad alta resistenza agli agenti atmosferici; rispetto ai ganci in PVC sono sostituiti meno frequentemente.

Ganci sagomati in ferro
La funzione è di distanziatore per i fili di contenimento della vegetazione. E’ un articolo di nostra progettazione e produzione ed è costituito da un profilo in lamiera zincata Sendzimir da installare sui pali in ferro diametro ¾ fissati con bulloncini in acciaio inox.

 

TENDITORI PER FILI

Gripple
E’ un accessorio che può fungere sia da giunzione che da tenditore per i fili ed è costituito da un blocchetto di alluminio con 2 canali contrapposti per il passaggio del filo, che può scorrere unicamente in un senso e rimane bloccato se messo in tensione
I principali vantaggi sono la grande resistenza per ogni utilizzo, la velocità e la facilità di messa in opera.

Il gripple viene installato con l’utilizzo di un tenditore dinamometrico per tensionare i fili: dotato di un sistema di trasmissione incorporato fornisce fino a 400 kg di carico con uno sforzo minimo.

Tendifilo in alluminio
Il tendifilo Girasole permette la giusta tensione per ogni tipologia di filo.

Tirafilo zincato
E’ realizzato in acciaio zincato e fornibile anche con rivestimento plastificato verde. Offre buona tensione per piccoli/medi tiraggio e con fili sottili.

Paranchi manuale a fune
Si tratta di un’attrezzatura per il tiraggio manuale dei fili in assenza di tirafilo installati sulla controspalliera. Viene agganciato agli anelli posti sui pali capitesta, che possono alternativamente essere dotati di morsetti che si agganciano direttamente al filo.

 

ACCESSORI PER FISSAGGIO SU PALI IN LEGNO

Il fissaggio del filo sui pali in legno è reso possibile con l’utilizzo di chiodi, cambrette arpionate e catenelle. Anche questi accessori sono di produzione Arcelor Mittal con rivestimento CrapaOptimum che garantisce lunga durata e resistenza alla corrosione.

 

I commenti sono chiusi